"Donati Ilde (miniaturista)"
  • Livello
  • unità archivistica
  • Numero definitivo
  • 669
  • Data
  • 4 dicembre 1920 - 29 giugno 1930
  • Soggetto produttore
  • Ojetti Ugo
  • Consistenza
  • docc.: 9 , cc.: 9
  • Descrizione
  • lettere, cartoline illustrate, cartoline, biglietti, telegrammi
  • Contenuto
  • Corrispondenza di Ilde Donati a Ugo Ojetti: cinque lettere e quattro cartoline. Nella prima lettera (datata 4 dicembre 1920) Ilde ringrazia Ojetti per la sua gentilezza, accetta di eseguire una miniatura che ritragga la piccola Paola e lo prega di inviare delle istantanee che ritraggano la bambina negli ambienti familiari e insieme ai suoi giochi. Chiede inoltre di farle avere informazioni come il colore dei capelli. In una lettera (datata 28 ottobre 1921) conferma di aver ricevuto le fotografie. In una lettera (datata 5 dicembre 1921) scrive del marito, "Carlo", il quale parteciperà al concorso per la decorazione della chiesa di San Francesco a Ravenna, con lo pseudonimo di Cangrande, presentando, per l'abside un bozzetto sul paradiso ed alcuni disegni di figura: "In una costruzione ritmica di nove giri di Beati, spiega i nove Cieli di Dante; e nella sommità dell'abside mette le nove gerarchie degli Angeli oranti"; continua la descrizione dell'opera, con la speranza di ricevere un aiuto o un consiglio da parte di Ojetti. In una lettera (datata 25 maggio 1922) fa di nuovo riferimento al piccolo ritratto di Paola e al fatto che può considerarsi un dono da parte sua. In una lettera (s.d.) comunica ad Ojetti che parteciperà alla "XIII Internazionale Veneziana", e di questo deve ringraziare anche lui. Nella manifestazione vorrebbe esporre "la miniatura della piccola Ojetti", rinnova poi la richiesta di avere altre fotografie e di conoscere il colore dei capelli della bambina. Lo ringrazia infine delle "buone parole" scritte sul "Corriere" a proposito del marito, soprattutto mentre si discute il valore della "Via Crucis" di proprietà della Chiesa di San Luca di Verona, da "preti ignoranti e artisti invidiosi", seppure un prete l'avesse prima voluta.
    Le tre cartoline contengono auguri, una è firmata a nome di Ilde e Carlo.
    Tutte le lettere eccetto una sono scritte da Verona. Una cartolina è spedita da Bucarest.
  • Unità di conservazione
    • tipo / valore Cassetta 28
    • Collocazione deposito Archivio Storico
    • Note Le cartoline hanno per soggetto, una "La danza Macabra" di Pinzolo, una "La Vergine col Figlio e Angioli" di Mantegna, una la riproduzione fotografica di una sua miniatura "Titino e Dady", l'ultima una fotografia che ritrae la regnante di Romania.
  • Immagini