Fogolari Gino (soprintendente ai monumenti del Veneto - corrispondenza dal 1924)
  • Livello
  • sottounità archivistica
  • Numero definitivo
  • 2
  • Data
  • 24 gennaio 1924 - 20 gennaio 1947
  • Soggetto produttore
  • Ojetti Ugo
  • Consistenza
  • docc.: 193 , cc.: 342
  • Descrizione
  • lettere, cartoline, articoli di giornale, biglietti da visita, telegrammi, biglietti, minuta, appunti, biglietto, bollettino, bibliografia
  • Contenuto
  • E' presente una ricca e variegata corrispondenza riguardante soprattutto l'attività di soprintendente svolta da Fogolari, prima a Venezia e poi a Palermo, ma anche di natura personale e di collaborazione con Ojetti. Alcune lettere, infatti, riguardano vari articoli per la rivista Dedalo e per l'Enciclopedia italiana Treccani. Degli scritti, invece, riguardano Pietro Lombardo e August Dahlstein mentre alcune lettere riguardano una corrispondenza tra Ojetti, Fogolari e la Contessa Margherita Michiel su questioni di leggi sull'esportazione. Risultano citati più volte Giuseppe Fiocco, Arduino Colasanti, Gigi Marangoni ed Giovanni Gentile. Delle lettere riguardano le preziose stoffe di Palazzo Ripetta, sede della Banca d'Italia a Vicenza. In una, invece, Fogolari ringrazia ed accetta l'offerta di collaborazione richiesta da Giovanni Gentile, sotto indicazione di Ojetti, alla Enciclopedia italiana Treccani.
    Molte sono gli artisti e le opere d'arte di cui si parla, come la Loggia del Capitano del Palladio di Vicenza, gli arazzi di San Marco a Venezia, Palazzo Venier detto dei Leoni a Venezia ed, infine, la Cappella Ovetari della Chiesa degli Eremitani a Padova. In altre lettere si parla di alcune mostre tra le quali la 'Mostra internazionale d'arte ispirata alla vite e al vino' a Conegliano (Treviso) nel 1927 e la 'Mostra del giardino' (1931). Una lunga lettera, invece, tratta del problema della restituzione dei due soffitti della Sala del Consiglio dei Dieci, del Palazzo Ducale a Venezia, portati via da Napoleone e custoditi al Louvre.
    In alcuni articoli di giornale si rende noto e si parla del trasferimento del soprintendente dell'arte medioevale e moderna G. Fogolari da Venezia a Palermo (1935710/27) ed uno, invece, riguarda interamente la sua vita professionale.
    Ad una lettera, firmata da Giulia Fogolari, figlia di Gino, inviata alla Signora Ojetti, sono allegati tre fogli con delle copie di lettere scritte da Ojetti a Gino Fogolari nelle quali, tra l'altro, Ojetti offre al Fogolari di scrivere degli articoli per Dedalo e dove si cita G. Fiocco.
    Ad una lettera di corrispondenza tra Ojetti e Fogolari (1940/09/30) è allegata copia di una lungo scritto diretto dal Fogolari al Ministero Educazione Nazionale.
    Ad un biglietto, firmato da Silvia Fogolari, è allegato un articolo commemorativo su Gino Fogolari (1942/01/08).
  • Unità di conservazione
    • Note Sul bollettino, nello spazio dedicato agli Ispettori, risulta esserci, sotto la voce 'congedi straordinari', anche la dott. Palma Bucarelli. Delle lettere allegate (1) solo due sono citate in quella firmata da Giulia Fogolari. Una lettera è firmata da Angelo Pagan ed una, invece, è indirizzata a Dani e firmata da Fogolari. Un'altra lettera, invece, è indirizzata ad Ojetti e firmata da 'i devoti delle Pietre di Venezia' ed, infine, un'altra è firmata da Forlati. Vi è anche una breve corrispondenza con la signora Silvia Fogolari, moglie di Gino. Alcune lettere risultano su carta intestata di 'Il Soprintendente all'arte medioevale e moderna- Palazzo Ducale - Venezia', della 'R. Soprintendenza dell'arte medioevale e moderna della Sicilia' ed altre su quella dell' 'Enciclopedia italiana' e delle 'R.R. Gallerie di Venezia'.