"Longhi Roberto (scrittore d'arte)"
  • Livello
  • unità archivistica
  • Numero definitivo
  • 1092
  • Data
  • 25 giugno 1921 - 06 novembre 1937
  • Soggetto produttore
  • Ojetti Ugo
  • Consistenza
  • docc.: 30
  • Descrizione
  • lettere, telegrammi, biglietti, copie dattiloscritte di lettere
  • Contenuto
  • Il carteggio è ricco di informazioni su artisti e opere varie: la corrispondenza inizia da Parigi, dove il Longhi risiede dopo aver viaggiato per la Spagna e la Francia, alla ricerca delle opere d'arte italiane disperse in quei paesi; avendo conosciuto bene anche la scuola spagnola, il suo viaggio lo porta a riconoscere opere anche di quegli artisti; Longhi si ripropone di viaggiare anche in Inghilterra, Germania e Austria e ricordandosi di una precedente richiesta di Ojetti di collaborazione alla rivista "Dedalo", gli scrive proponendo l'invio di parte del materiale, anche fotografico, da lui accumulato nelle sue ricerche, avvenute specialmente nei musei di provincia, dove, dice, "...si vedono spesso cose più rare che a Parigi, inviatevi dai magazzini del Lussemburgo, come presunte indegne - ahimè! - di entrare al Louvre..."; vorrebbe iniziare dalla documentazione su un ritratto di Paolo Uccello, da lui ritrovato a Chambèry; fa cenno anche a un Duccio di Boninsegna, parte probabile della Pala di Siena; in una lettera (s.d.) in relazione alla preparazione di Ojetti di un articolo sulle polemiche per la Mostra Spagnola di Londra del 1913, Longhi scrive notizie riguardo: Louis de Boulogne, detto il Valentin, [Francisco de] Zurbarán, [Bartolomeo] Passante, [Francesco] Fracanzano, riguardo anche all'attribuzione di alcune opere; annuncia l'invio di un articolo sui dipinti "Santo Stefano", (Horne) e la Madonna (Goldman), opere di Giotto e la sua scoperta, in un museo di provincia francese, di altre parti del polittico che era probabilmente quello della Chiesa di Badia; in un'altra lettera (s.d.) chiede una rettifica per l'articolo di R. Papini sul pittore G.S. in cui non ha scritto :"che il quadro tornato in luce a San Lorenzo fuori le mura fu ritrovato da R.L. e da lui segnalato a R.P. affinchè provvedesse a farlo restaurare"; in un'altra (s.d.) scrive: "Il Dott. Bertini mi dice che costà siete arrabbiatissimi ... con me per il quadro del Serodine a Valvisciolo e con lui per quello attrib. al Lanfranco a Sezze, e che non li volete perchè troppo grandi...si tratta di due quadri che ritengo di capitalissima importanza per la mostra di Firenze"; lettera di Longhi dove comunica il suo nuovo indirizzo a Roma, via Mogadiscio 7 e lo informa che "...il quadro dell'Assereto di cui desideravo fare la tricromia" l'ha recuperato da un mercante tedesco e adesso è parte della sua collezione di secenteschi; in un biglietto datato 12 luglio 1927 fa riferimento all'invio del suo libro su "Piero della Francesca che il Broglio mi assicurò Le avrebbe spedito prima che ad ogni altro"; risposta alla richiesta da parte di Ojetti di collaborazione all'Enciclopedia Italiana; Longhi polemizza sullo spazio riservato ai vari artisti (lett. dat. 24 febbraio 1928); risposta di Ojetti dat. 13 marzo 1928 (sottofasc. 2); nella lettera (solo con la data scritta a matita di ricevimento di Ojetti 23 aprile 1933) informa del ritrovamento di una grande tela rappresentante Cristo al Calvario con la sigla A.M. che Longhi interpreta come Altobello Melone, quadro secondo lui interessantissimo per la mostra ferrarese; in un'altra di un"Mantegna che ho trovato a Ferrara, frammento del quadro di Madrid e, in origine, legato al trittico degli Uffizi" (lett. ricevuta il 15 gennaio 1934); scrive a proposito della mostra di Parigi "approfittando dell'occasione eccezionale chela "Giuditta" di Giorgione è insolitamente vicina alla patria, Ella non proporrebbe di farle fare il viaggio di ritorno con una breve sosta in Italia, durante la quale l'opera potrebbe esporsi o a Firenze o a Venezia..." (lett. del luglio 1935); vari telegrammi di accordi per il sopralluogo a Santa Croce richiesto a Longhi dal ministro Bottai.
  • Sottounità
  • 1. Corrispondenza di Roberto Longhi 2. Corrispondenza di Ojetti
  • Unità di conservazione
    • tipo / valore Cassetta 43 ins. 35
    • Collocazione deposito fondi storici