Boldrin. Disposizione per le giurie d'arte
  • Livello
  • inserto
  • Numero definitivo
  • 2
  • Data
  • 11 giugno 1933 - 7 luglio 1933
  • Soggetto produttore
  • Maraini Antonio
  • Consistenza
  • docc.: 8 , cc.: 11
  • Descrizione
  • lettere, telegrammi
  • Contenuto
  • Documentazione riguardante la questione sollevata dal commissario del Sindacato fascista Belle Arti delle Venezie, Paolo Boldrin, il quale rinuncia a far parte della commissione consultiva per gli inviti alla Biennale, sostenendo la necessità di includere nella commissione solo facenti parte del Sindacato Belle Arti. Dopo ciò, A. Maraini si reca in udienza presso il Duce, il quale dispone che solo artisti iscritti al Sindacato Belle Arti possano far parte di giurie d'arte, escludendo così i critici U. Ojetti e M. Sarfatti.
    - Lettera inviata a G. Volpi da alcuni membri della commissione consultiva per gli inviti alla Biennale (M. Sarfatti, F. Mauroner, F. Carena, M. Guerrisi, C. Carrà, I. Brass, R. Carpi, F. Ferrazzi), dat. 11 giu. 1933
    - Telegramma di P. Boldrin, dat. 7 giu. 1933
    - Telegramma di P. Boldrin, dat. 20 giu. 1933, con il quale si esprime il dissenso in relazione alla struttura della commissione consultiva
    - Lettera inviata a G. Volpi dai membri della commissione consultiva (U. Ojetti, M. Sarfatti, F. Carena, C. Carrà, A. Zanelli, F. Mauroner, M. Guerrisi, R. Carpi, I. Brass, F. Ferrazzi) dat. 20 giu. 1933
    - Lettera di P. Boldrin, dat. 21 giu. 1933
    - Lettera di C. Carrà, A. Zanelli, R. Carpi, F. Ferrazzi, F. Mauroner, I. Brass, M. Guerrisi, F. Carena [1933]
    - Lettera di U. Carnera, dat. 23 giu. 1933
    - Copia di lettera inviata da G. Volpi a P. Boldrin, dat. 7 lug. 1933
  • Unità di conservazione
    • Stato di conservazione discreto