"Besso Amalia (pittrice)"
  • Livello
  • unità archivistica
  • Numero definitivo
  • 44
  • Data
  • 16 marzo 1912 - 24 settembre 1914
  • Soggetto produttore
  • Prencipe Umberto
  • Consistenza
  • docc.: 13 , cc.: 19
  • Descrizione
  • lettere, cartoline, biglietti
  • Contenuto
  • Corrispondenza (dat. Roma 16/03/e 11/04 del 1912) riguardante l'esposizione personale dell'artista sulle impressioni orvietane al Lyceum di Roma, inaugurata il 16/04/1912; la Besso si scusa con Prencipe per non averlo riconosciuto ad un banchetto dal conte di San Martino;
    nella lettera dat. 7/07/1912 si parla dell'interessamento della pittrice presso un suo amico napoletano per sapere se vi è in vista qualche posto d'insegnante a Napoli e dell'arrivo della salma di un suo nipote morto in Cina;
    nella lettera dat. Roma 9/04/1913 la pittrice parla di una sottoscrizione (non ben specificata) e dice di aver allegato una lettera del Comm. Bondi;
    con la lettera dat. Roma 17/05/1913 la pittrice ne allega una del Principe di Scalea, sottosegretario del Ministero degli affari esteri, riguardante un possibile trasferimento del pittore in Argentina;
    nella lettera dat. Francavilla 4/08/1913 la pittrice esprime compiacimento per la decisione di Prencipe di restare a Roma (rifiuto del trasferimento all'Accademia di belle arti di Napoli), racconta del suo lavoro, dei saltuari incontri con Michetti ("...lui fa il fotografo, fa il muratore, fa il meccanico, tutto fuorchè il pittore. Che peccato!"); si segnala l' invito all'inaugurazione della mostra di pittura e scultura di Amalia Besso e M.A. Pogliani alla Ryder Gallery di Londra per il 15/05/1914, e successiva lettera dat. London 9/06/1914 con i relativi commenti sulla mostra;
    nella lettera dat. 15/09/1914 la pittrice riferisce di aver chiesto, in seguito alla lettera ricevuta da Prencipe, l'interessamento di suo fratello a Milano presso la sede della Banca Commerciale della città, riguardo un possibile lavoro di decorazione del palazzo della sede di Cagliari, ma senza risultato e gli suggerisce di provare a scrivere lui direttamente all'architetto senatore Luca Beltrami.
  • Unità di conservazione
    • tipo / valore Faldone 2
    • Collocazione deposito fondi storici
    • Note Cartolina dat. 26/06/1912 con immagine della scultura di G. Prini "Il passerotto"; cartolina dat. 11/12/1912 con fotografia della pittrice risalente all'anno precedente.