Giulio Aristide Sartorio a Pietro Giorgi
  • Livello
  • unità documentaria
  • Numero definitivo
  • 16
  • Tipologia
  • lettera
  • Data
  • [1][maggio][1884]
  • Autore
  • Sartorio Giulio Aristide
  • Firma
  • G A Sartorio
  • Destinatario persona
  • Giorgi Pietro
  • Consistenza
  • cc.: 2 , pagg.: 5
  • Descrizione
  • Lettera manoscritta di due fogli (27x20,9) di 8 facciate su carta vergata avorio, con inchiostro nero e schizzi. Foglio a Il foglio è danneggiato. Risulta diviso in tre parti. Due di 15x11, una di 15x10,5. 1 facciata in basso a destra c'è uno schizzo di donna di profilo con un foulard e grandi orecchini (3,5x7) ripresa da un quadro di Benjamin Constant. 2, 3, 4, facciata inchiostro nero. Foglio b Il foglio è composto di due facciate. Risulta danneggiato e diviso in due parti. Una di 15x11, l'altra di 15x10,5. 1, 2, facciata inchiostro nero. l
  • Stato di conservazione
  • mediocre
  • Contenuto
  • E' stato al vernissage del Salon. Commenta molti quadri e artisti.
  • Lingua
  • Italiana
  • Note
  • Trascrizione: 14 a 1° facciata La generalità e fredda insignificante meno / che mediocre = anacronismi, brutto disegno / pessimo colore. L'eccezioni sono artisti. / C'è un quadro di Benjamin / Constant = un'arem uno splendore…/ non lo capiscono…/ L'aria è oscura…l'ambiente saturo di / donne che hanno dormito, un'intona - / zione di luogo chiuso meravigliosa…/ in un'angolo una mora accucciata, avanti una bruna che si / alza sveglia, di qua / una donna dai capelli / rossi mezzo addormentata…/ e nel colore che ove non fosse / giustissimo sarebbe oscuro…/ nero, un raggio di sole vero evidente / 14 a 2° facciata Ho veduto i quadri di Gerôme / Si esclama li avanti: che peccato che non / sia pittore…/ M'immagino dipinto bene quel suo / quadretto del deserto di notte…/ La notte ampia nel cielo è seminata di / stelle; e il terreno che avanti è / roccioso si stende grande immenso / ondulato. C'è una luce di luna / piena. La tigre sta qui / rigida come una sfinge egiziana / le gambe avanti incrociate con / un movimento che sa di velluto / a Ricevere quel bagno di / luce fresca…i tigrotti / giocano poco lontano... 14 a 3° facciata …Li vende una donna romani…/ e l'incantatore addita chi suggerisce / di più…e i compratori stendono / le mani che accennano a numeri . / Dietro l'incantatore due amanuensi / uno scrive l'altro freddo insignificante / coi capelli avanti agli occhi si tocca / il labro con lo spicillo…ha / una testa insignificantemente romana / Intorno i schiavi…/ Vedo molti quadri grandi…di Flameng / è bellissimo.. di Curtru è bello / di Bougourou è disegnato…di Chaplen / è decorativo ma …(bestemmierò) / io farei meglio. / Vedo paesaggi bellissimi e paesaggi / 14 a 4° facciata orribilissimi e quadri e quadri / che sono sempre la / solita pasta che si rimugina / per tutto…mi pare l'esposizione / di Roma con nomi francesi. / C'è tutto Parigi elegante / una miriade di donne chic / elegantissime…si circola a disagio / fa un caldo enorme c'è / nell'aria un odore di muschio / e di essenze, un'esalazione di cuccia che da ai nervi…esco / che non ne posso più. Sto in uno di quei quarti d'ora dove mi / riconosco uno stupido per essere / nato senza denari…il quadro / del mille là dentro sarebbe il / quadro …Se Dio si ricorda di / me!!! 14 b 1° facciata Però con la mente che / sogna e questa sera / prego Dio che si ricordi di me / se mi ha dato saluto / mi mandi la forza perché sa / quello che vedo potesse / essere un giorno o l'altro / mi svegliassi artista. / Vostro G A Sartorio.
  • Immagini